Casa Res Tipica, l’impegno dell’ISMA a favore dei giovani

Un progetto diretto all’inserimento nel mondo del lavoro





Vengono dall’India, l’Afganistan, la Romania, la Guinea e naturalmente dall’Italia, i giovani stagisti che da domani danno il via a Casa Res Tipica, il progetto sociale, senza scopo di lucro, diretto alla formazione e all’inserimento lavorativo di minori, in particolare extracomunitari, in condizioni di disagio.
L’iniziativa, realizzata in partnership con l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e l’Associazione Res Tipica e in collaborazione con l’Associazione Il FARO, è ideata, promossa e organizzata dagli Istituti di Santa Maria in Aquiro (ISMA) che hanno messo a disposizione un negozio di Piazza Navona per l’esposizione e la commercializzazione di prodotti enogastronomici tipici italiani. Una vetrina di tutto rispetto che prevede la degustazione degli stessi rivolta soprattutto agli stranieri. A promuovere le eccellenze del Bel Paese, l’impegno e le abilità dei giovani stagisti che per mettere a contatto diretto produttore e consumatore, scopriranno e assaporeranno le tradizioni nostrane sotto lo stesso tetto. Un’opportunità inedita che consentirà loro d’inserirsi nel tessuto socio-culturale italiano, ma anche di lanciare un’ampia piattaforma di scambio e di dialogo interculturale. I proventi dei produttori saranno reinvestiti, secondo il protocollo d’intesa, nell’implementazione ulteriore del progetto.


14 Marzo 2011