Regione Lazio, al via l’Osservatorio sulla povertà

Lanciato il ponte di comunicazione tra la Regione Lazio e il territorio 



“Nonostante il ridimensionamento delle risorse statali, abbiamo riconfermato i 3,5 milioni di euro per i servizi di mensa sociale e di accoglienza notturna. E, grazie alle risorse per le emergenze sociali che si verificano nei piccoli comuni, abbiamo aiutato da gennaio ad oggi ben 101 famiglie che si sono venute improvvisamente a trovare in situazioni di difficoltà economica”. Questi alcuni degli interventi che l’assessore alle Politiche sociali e Famiglia, Aldo Forte, ha annunciato nel corso della conferenza stampa per la presentazione dell’Osservatorio sulla povertà, istituito il 30 giugno scorso con la firma del protocollo d’intesa tra Regione Lazio e Comunità di Sant’Egidio.
“La povertà è un fenomeno che come, tanti altri, sta mutando – ha poi aggiunto Forte - Oggi parliamo di vulnerabilità, con sempre più persone e famiglie che rischiano di precipitare nel bisogno a causa di spese impreviste. Il dato è preoccupante. Nel Lazio le famiglie che hanno dichiarato di non poter sostenere spese improvvise del valore di 750 euro sono il 38,8%. Una percentuale superiore alla media nazionale del 33,3%”. “Di fronte a questo scenario, - ha continuato Forte – gli interventi di tipo assistenzialistico non rappresentano più la risposta adeguata, perché spostano semplicemente il problema più in là. Mentre una strategia che intenda realmente combattere la povertà deve spingere innanzitutto sul coinvolgimento e l’inclusione sociale. Per far ciò, è però necessario uno studio attento e analitico del fenomeno, come si propone di fare l’Osservatorio che, grazie alla collaborazione tra Regione e Sant’Egidio, può costituire anche quel ponte necessario tra l’amministrazione e il territorio, tra la Regione e le tante realtà associative che prestano assistenza. Una collaborazione che si avvarrà del personale dell’assessorato, che ha costituito un’area direzionale che si occupa esclusivamente delle problematiche connesse alla povertà. Un’area che finora non esisteva”.
Forte ha, infine, ricordato che la collaborazione tra Assessorato e Sant’Egidio ha già dato ottimi risultati grazie al progetto dei poli sperimentali, “con il quale abbiamo assistito oltre 4.500 ultrasessantacinquenni nei quartieri di Testaccio, Trastevere e dell’Esquilino di Roma e ridotto a solo l’86 per mille le ospedalizzazioni improprie, contro il 262 per mille dell’Asl RmA che è il dato più basso nel Lazio. Un progetto che per questo – annuncia Forte - estenderemo a tutte le province del Lazio”.


04 Luglio 2011